Home > Argomenti vari > Decurtazione punti sulla Carta di Qualificazione del Conducente

Decurtazione punti sulla Carta di Qualificazione del Conducente

21 Aprile 2009

 

Dal 5 aprile 2008 si applica anche alla Carta di Qualificazione del Conducente (di seguito denominata CQC) ed al

Certificato di Abilitazione Professionale (di seguito denominato CAP) di tipo KB, la disciplina della patente a punti (art.

126 bis del Codice della Strada). Alla CQC vengono attribuiti in totale 20 punti, non cumulabili con quelli che si hanno

sulla patente, né cumulabili se uno è titolare di carta di qualificazione valida sia per il trasporto di persone sia per il

trasporto di cose, o di CAP di tipo KB. Il punteggio iniziale è, pertanto, di 20 punti complessivi a prescindere dal numero

di abilitazioni professionali possedute.

Circostanze nelle quali si applica la decurtazione del punteggio.

Il punteggio della CQC o del KB subisce decurtazioni quando il conducente commette violazioni al Codice della strada

mentre è alla guida di un veicolo:

- per il quale è richiesta la titolarità della patente C, CE, D, DE unitamente alla CQC

- per il quale è richiesta l’abilitazione professionale del tipo KB

- nell’esercizio di una attività professionale di autotrasporto di persone e cose. Ne deriva che i punti sono decurtati:

- sulla CQC degli autotrasportatori di cose e dei conducenti di autobus quando la contestazione di violazione avviene

mentre sono alla guida di veicoli professionali; sul CAP tipo KB dei conducenti di taxi e di autovetture adibite a noleggio

con conducente quando la contestazione di violazione avviene mentre stanno svolgendo il servizio di trasporto per conto

terzi, per cui i veicoli sono stati immatricolati. I conducenti di taxi e di autovetture in noleggio con conducente possono

possedere anche il CAP del tipo KD visto che tale documento comprende anche il CAP tipo KB (art. 116 Codice della

Strada e 310 del Regolamento), e non sussiste per loro l’obbligo di chiederne la conversione. In tali casi la decurtazione

del punteggio sarà effettuata sul KD posseduto. Quando le violazioni, avvenute nelle circostanze sopradescritte, sono

commesse da conducenti che abbiano conseguito la patente di guida da meno di tre anni, si raddoppia il punteggio da

decurtare sulla CQC od il KB, a prescindere dal tempo che sia trascorso dal loro rilascio; i tre anni di titolarità si

computano dalla data di conseguimento della patente.

Quando non si applica la disciplina della decurtazione del punteggio sulla CQC o sul CAP di tipo KB o KD.

La disciplina della decurtazione del punteggio sulla CQC o sul CAP non si applica quando la violazione sia stata

commessa:

- alla guida di un veicolo per cui è richiesta la patente delle categorie C, CE, D, DE ma tale veicolo sia utilizzato per fini

privati o non professionali e commerciali (ad esempio utilizzato temporaneamente o immatricolato da enti senza scopo di

lucro, scuole, etc.);

- alla guida di un veicolo immatricolato come taxi e come noleggio con conducente, se il proprietario lo stava utilizzando

per fini personali;

- alla guida di veicoli per i quali è richiesta la patente delle categorie C, CE, D, DE, ma siano esenti dall’obbligo della

CQC (vedasi art. 16 D. L.vo 286/2005: veicoli che trasportano materiale ed attrezzature utilizzati nell’esercizio della

propria attività, a condizione che la guida non costituisca attività principale del conducente);

- alla guida di veicoli muniti di licenza in conto proprio o comunque immatricolati e utilizzati per conto proprio. In tutti

questi casi anche se il conducente è titolare di CQC o di CAP di tipo KB la decurtazione di punti si applica soltanto sulla

patente posseduta.

La perdita di punti sulla patente di guida non ha alcun effetto sulla decurtazione dei punti della CQC, così come il

sistema di recupero del punteggio è del tutto separato tra i due documenti.

Sul verbale di contestazione, redatto dagli agenti di controllo, nello spazio riservato al numero di patente del

conducente, verrà riportato il numero della CQC o del CAP posseduto.

Chi non possiede ancora la CQC.

I conducenti che commettono violazioni alla guida di veicoli per cui è richiesto il possesso della CQC, mentre svolgono

un trasporto professionale, ma che non abbiano ancora materialmente richiesto, ed ottenuto, il rilascio della CQC,

subiranno la decurtazione di punteggio sulla patente posseduta.

La CQC diverrà obbligatoria dal 10/09/2008 per il trasporto di persone, e dal 10/09/2009 per il trasporto di cose.

Dal 5 aprile 2008 e sino al raggiungimento dei suddetti termini di scadenza, la possibilità di applicare la decurtazione sulla

CQC è limitata ai casi in cui sia lo stesso conducente ad esibirla, al momento del controllo (Circolare del Ministero

dell’Interno n. 300/A/1/24527/108/13/7 del 14/04/2008).

Se il conducente non possiede ancora la CQC, ovvero non la esibisca, il punteggio dovrà inevitabilmente essere

decurtato sulla patente di guida.

http://www.

Categorie:Argomenti vari Tag:
I commenti sono chiusi.